Mmm... la pagina che stai cercando non si trova qui. Prova a cercare in alto.
  • Francesco Renga e il ritorno di fiamma con Ambra: “Pura follia”

    Francesco Renga e Ambra Angiolini sono di nuovo innamorati? Ambra è pronta a mandare all'aria il matrimonio con Allegri?

  • La Miss Italia Alice Sabatini si mostra a letto senza vestiti

    L'ex Miss Italia 2015 Alice Sabatini si è mostrata sui social in una sexy lingerie, per l'incredulità dei suoi fan

  • Ronaldo è furibondo, voleva una Juve diversa. Dalle scelte di Allegri al suo futuro...

    Cristiano Ronaldo è rimasto in silenzio nell'immediato post Juve-Ajax che gli è costata...

  • Yahoo Finanza

    Uno dei segreti dell'ascesa di Ferrero? Le regole per il personale

    Il gruppo Ferrero è una delle realtà italiane più grandi in assoluto, in campo industriale. Sotto la gestione di Giovanni Ferrero, nipote del fondatore Pietro, il gruppo sta acquisendo diverse aziende con mire espansionistiche chiare, verso un maggior controllo di mercato soprattutto fuori dall’Italia; una delle ultime operazioni è l’acquisto della divisione biscotti e gelati di Kellogg Company, al costo di 1,3 miliardi di dollari. L’azienda che vende la Nutella, sviluppatasi negli anni grazie a Michele Ferrero, è una realtà fortemente legata al territorio piemontese. 40 anni fa proprio Michele Ferrero stilò una lista di comportamenti che avrebbero dovuto seguire i manager sotto la sua direzione, e a cascata anche i dipendenti. La Gazzetta di Alba, un settimanale, ha trovato il documento e l’ha pubblicato - facendo scoprire un elenco di consigli che mettono insieme saggezza e ricerca della produttività. Un elenco che va oltre all’azienda Ferrero, visto che i suoi punti fondamentali sono applicabili in qualsiasi contesto industriale. Le ‘massime da seguire nei contatti con il personale’ si chiudono con la frase “Se non credete in questi principi, rinunciate ad essere capi”.

  • Belen è incinta? Aspetterebbe il secondo figlio da Stefano De Martino

    Stefano De Martino e Belen Rodriguez pensano già a un nuovo bimbo? Ecco com'è nata la voce che intenerisce il web!

  • Pippo Franco sul caso nozze Pamela Prati: “È un problema suo”

    Pippo Franco, intervistato da Fanpage.it, ha espresso il suo parere sul matrimonio misterioso tra l'amica Pamela Prati e Mark Caltagirone.

  • Soffocato dalla mamma

    Lo ha soffocato stringendogli il collo e chiudendogli la bocca, causandone la morte per asfissia. Per questo Donatella Bonna, una donna di Atina, residente a Piedimonte San Germano (Fr), è stata arrestata a Cassino dai carabinieri coadiuvati dal reparto operativo del comando provinciale di Frosinone per l'omicidio del figlio di poco più di due anni.  Il bambino, nato a Sora l'11 dicembre 2016, non era dunque stato investito ieri pomeriggio, come riferito dalla madre in un primo momento, ma è stata la stessa donna ad ammazzarlo poco prima durante una passeggiata, presa da un raptus. In lacrime perché voleva andare dalla nonna, il piccolo Gabriel Faroleto è stato ucciso in strada, ieri pomeriggio. La madre che poco prima aveva incontrato il padre del piccolo con il quale non vive più insieme, ha 28 anni, è di Frosinone ed è incensurata. Mai in cura per problemi mentali, la donna è stata interrogata dai carabinieri e aveva ancora i graffi sulle braccia lasciati dal figlio nel tentativo disperato di salvarsi dal soffocamento. Eppure, una volta compiuto il drammatico gesto, la giovane mamma si è rimessa a camminare verso la casa che le avevano lasciato i genitori, in località Volla a Piedimonte San Germano, iniziando a pensare al copione da recitare. "Me l'hanno ammazzato" ha detto prima ai sanitari del 118 che, arrivati con una eliambulanza, hanno provato a rianimare il piccolo per quasi un'ora nel cortile di casa. "Mi hanno investito con mio figlio in braccio" la prima versione raccontata anche ai carabinieri di Frosinone che con lei hanno ricostruito in auto il percorso che la donna aveva raccontato di aver fatto arrivando fino al presunto luogo dell'investimento. E' stato lì che il castello di carte costruito dalla ventottenne ha iniziato a crollare pezzo dopo pezzo. Non un segno corrispondente a un incidente, nemmeno la traccia di un'auto in fuga: le prime ammissioni della mamma sono partite da lì e poi, davanti al suo avvocato e al sostituto procuratore Valentina Maisto, la confessione. Poche lacrime, solo all'inizio. Un racconto freddo, di una donna consapevole degli anni di carcere che l'aspettano, cinica davanti ai carabinieri. Il corpo del piccolo Gabriel è ora nella camera mortuaria dell'ospedale Santa Scolastica di Cassino dove sarà sottoposto a esame autoptico. La madre, invece, è nel carcere femminile di Rebibbia.