Mmm... la pagina che stai cercando non si trova qui. Prova a cercare in alto.
  • Elodie, la cantante cambia look: niente più tacchi

    Se negli ultimi tempi Elodie ha indossato solo miniabiti e tacchi a spillo, ora le cose pare siano cambiate: la rivoluzione di stile della cantante

  • Finge di ordinare una pizza e chiama 112 per sottrarsi al marito

    Dopo l'ennesimo episodio di violenza da parte del marito, una donna finge di ordinare una pizza e invece chiama i Carabinieri per denunciarlo.

  • Uomo si spoglia sul tram e tenta di violentare una studentessa

    Un vero allarme a Milano. Nelle ultime 24 ore si sono verificati tre episodi di violenza sessuale: l'ultimo è quello di una studentessa 21enne.

  • Juventus, assalto a Donnarumma: Paratici fa sul serio e ha in mano due jolly

    ​C'è ancora ​Gigio Donnarumma nei pensieri della ​Juventus. Il portiere del Milan, classe '99, legato ai rossoneri da un contratto fino al 2021, potrebbe lasciare il club milanista al termine della stagione. Secondo La Gazzetta dello Sport in edicola oggi, la Juventus è pronta a lanciare l'assalto all'estremo difensore rossonero. La Juve, che ha già provato a ingaggiare il portiere stabiese nel 2016, non ha mai perso di vista Gigio e in estate potrebbe rilanciare. E’ difficile rinnovare quel...

  • Sentenza Cucchi, Ilaria: “Valutiamo la querela contro Salvini”

    Dopo aver ascoltato il commento di Salvini sulla sentenza del caso Cucchi, Ilaria annuncia possibili azioni legali contro l'ex ministro.

  • Emanuele Filiberto e l'annuncio, la reazione dei social

    "È per me un dovere, ma anche un grande onore, annunciarvi l’imminente ritorno della Famiglia Reale". E' il messaggio video, via Twitter, di Emanuele Filiberto. Un messaggio che non ha lasciato indifferenti. Sono infatti molti gli utenti che hanno commentato la notizia. Non sono pochi quelli che pensano a una trovata pubblicitaria. C'è chi pensa sia "una trollata per qualche forma di spettacolo televisivo di prossima uscita": "Un programma dove voi correrete sempre con il cameraman al seguito, in modo che ogni italiano possa sincerarsi che il talento alla fuga come dei conigli permane nella vostra nobile dinastia?", scrive Thalon. "Ma siamo su SCHERZI A PARTE?", si legge nel post di Tizzy. Ma c'è anche chi commenta tra l'ironico e il serio. "Basta Emanuele, posa il vino", scrive Rosaria. "E poi scapperete anche questa volta?", si legge in un latro post. "Ma noi non vi vogliamo!", scrive Barbara. "Mi sembra una minaccia", è un altro commento. A commentare la notizia anche Carlo Calenda: "Poveri Carlo Alberto, Vittorio Emanuele II e Umberto II che pure qualcosa (non troppo per la verità) hanno significato nella storia di Italia. Altro che i realistannotornando la famiglia dovrebbe levare il cognome a questo minus habens senza decoro".

  • Reggio Emilia, violenta per anni figlio di amici

    Ha violentato per anni il figlio degli amici di famiglia: la sentenza di condanna nei confronti dell'uomo, un insospettabile artigiano 58enne con attività nella bassa reggiana, è divenuta esecutiva e i carabinieri di Castelnovo Sotto lo hanno arrestato. Come ricostruito dai carabinieri, il 58enne, approfittando del rapporto di fiducia con una coppia di amici di famiglia, ha rivolto, per anni, le sue morbose e continue attenzioni a sfondo sessuale nei confronti del figlio, arrivando anche a minacciarlo di ritorsioni se avesse parlato. E' stato proprio il ragazzo, dopo essere diventato maggiorenne, a trovare la forza di confidarsi prima con un'amica e poi con i genitori, per anni all'oscuro di tutto.  Di fronte a quelle rivelazioni, la famiglia ha subito supportato il ragazzo nella decisione di denunciare: il giovane si è quindi rivolto ai carabinieri di Castelnovo Sotto raccontando le violenze subite dal 2008 al 2012.  Dopo le indagini dei militari, la procura reggiana ha chiesto e ottenuto, nel dicembre del 2017, un provvedimento restrittivo di natura cautelare in regime di arresti domiciliari. Per questi fatti nel luglio dell’anno scorso il tribunale di Reggio Emilia ha riconosciuto colpevole il 58enne condannandolo a quattro anni di reclusione con l’interdizione dai pubblici uffici per cinque anni e l’interdizione perpetua dall'esercizio di tutela e curatela.  La sentenza, confermata in appello e Cassazione, è divenuta esecutiva motivo per cui l’Ufficio esecuzioni penali della procura reggiana ha emesso l’ordine di carcerazione a carico del 58enne. L'uomo è stato dunque portato in carcere.