Mmm... la pagina che stai cercando non si trova qui. Prova a cercare in alto.
  • Sara Tommasi sul passato: “Dio mi ha salvato, ho ritrovato la fede”

    La giovane racconta di aver rischiato di morire per la quantità di droga assunta, che le ha anche causato problemi psichici.

  • Paolo Bonolis festeggia il matrimonio del figlio Stefano

    Grande festa per Stefano Bonolis e Candice Hansen, che hanno detto il loro sì negli Stati Uniti.

  • Pesce serpente, specie aliena negli USA: “Uccidetelo subito”

    Il Dipartimento delle risorse naturali della Georgia ha ordinato di uccidere il pesce serpente, specie aliena negli USA.

  • Buffon e l'aneddoto sul gol di Ronaldo in rovesciata

    Il portiere della Juventus torna sulla rete del fenomeno portoghese con il Real Madrid in Champions League

  • Abolito il termine 'Alto Adige', non si potrà più dire nemmeno 'altoatesino'

    Aggiornato alle ore 15,10 del 13 ottobre 2019.Le parole 'Alto Adige' e "altoatesino" sono parole cancellate per legge e dal giorno successivo alla pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione, non dovranno più essere usate. L'unica dizione in lingua italiana da utilizzare per indicare la terra di confine più a nord d'Italia sarà 'Provincia di Bolzano'. Resta invariato il vocabolo in lingua tedesca, Suedtirol.È quanto stato deciso dal Consiglio provinciale di Bolzano che con 24 sì (Suedtiroler Volkspartei, Suedtiroler Freiheit e Freiheitlichen), il no di L'Alto Adige nel cuore-Fratelli d'Italia, quello della Lega e 5 astensioni (tra PD, Verdi, Team Koellensperger), ha approvato il disegno di legge n.30/19-XVI di iniziativa giuntale circa le "Disposizioni per l'adempimento degli obblighi della Provincia autonoma di Bolzano derivanti dall'appartenenza dell'Italia all'Unione europea".Il presidente della Provincia autonoma di Bolzano, Arno Kompatscher nel suo intervento ha detto: "Credo che il Governo italiano non si permetterà di impugnare questa legge, l'impugnazione sarebbe un grave affronto, e comunque non ci sarebbero problemi davanti alla Corte costituzionale".Successivamente il Landshauptmann ha aggiunto: "Il mio appello è di venirci incontro, io preferisco il termine 'Sudtirolo' ma nella Costituzione si parla di 'Regione Trentino Alto Adige/Sudtirol' e di 'Provincia autonoma di Bolzano'". Il consigliere Alessandro Urzì (L'Alto Adige nel Cuore) ha sostenuto che questi sono "atteggiamenti anti-italiani, non antifascisti". La deputata e coordinatrice regionale del Trentino Alto Adige di Forza Italia, Michaela Biancofiore si appella a ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia e al Commissario del governo di Bolzano, "affinché la aberrante legge approvata dal consiglio della Provincia di Bolzano, a maggioranza etnica Svp-destre, che abolisce il nome Alto Adige, venga immediatamente impugnata".Biancofiore parla di "atto gravissimo di abolizione della toponomastica, un attentato vero e proprio alla Costituzione" aggiungendo che "lasciar passare un tale affronto al sistema Paese sarebbe come accettare che una minoranza nazionale che assuma il controllo del governo nazionale, abolisca il termine Italia"."La Lega in aula in Consiglio provinciale ha votato assolutamente contro la proposta di togliere la parola Alto Adige, i nostri quattro consiglieri hanno votato contro questo emendamento", spiega il commissario della Lega in provincia di Bolzano, Maurizio Bosatra. I quattro consiglieri sono Giuliano Vettorato (vicepresidente della giunta), Massimo Bessone, assessore, Rita Mattei e Carlo Vettori. La Lega è partner di giunta assieme alla Suedtiroler Volkspartei. La Svp ha votato a favore dell'abolizione delle parole "Alto Adige" e "altoatesino". "Condivido le parole del presidente Kompatscher nel dire che è stato un errore cancellare Alto Adige", dice Bosatra e aggiunge, "siamo assolutamente pronti a sederci intorno a un tavolo con la Svp per trovare quanto prima una soluzione".

  • E' morto Manuel Frattini, il divo italiano del musical

    E' morto improvvisamente ieri sera a Milano Manuel Frattini, danzatore, cantante e attore teatrale, il divo italiano del musical. Frattini ha avuto un malore che gli ha provocato un arresto cardiaco irreversibile, nonostante i soccorsi tempestivi dei presenti e del personale medico chiamato immediatamente. L'artista, che nel maggio scorso aveva compiuto 54 anni, si trovava a Milano per fare quello che più amava nella vita, il musical: aveva voluto essere presente, insieme ad altri performer, ad una serata di beneficenza. Era felice e circondato da tutti gli amici e colleghi più cari Dopo aver mosso i primi passi come primo ballerino e coreografo in numerose produzioni Rai e Mediaset, Manuel, nato a Corsico (Milano) nel 1965 inizia a farsi notare nel 1991, quando viene chiamato dalla Compagnia della Rancia, diretta da Saverio Marconi, per interpretare il ruolo di Mike Costa nel musical 'A Chorus Line'. Nella stagione 1996/1997 ricopre il ruolo di Cosmo Brown in 'Cantando sotto la pioggia'. La consacrazione arriva nella stagione 1998/1999 con il musical 'Sette spose per sette fratelli', nel quale interpreta, al fianco di Raffaele Paganini e Tosca, il ruolo di Gedeone.  Le stagioni 1999/2000 e 2000/2001 lo vedono dividere il palcoscenico con Christian De Sica, Lorenza Mario, Monica Scattini e Paolo Conticini nel fortunato 'Tributo a George Gershwin - Un Americano a Parigi', con la regia e le coreografie di Franco Miseria. Contemporaneamente realizza un piccolo sogno: debuttare come protagonista assoluto in un musical inedito, 'Musical, Maestro!', coreografato e diretto da Fabrizio Angelini e ideato da lui stesso in collaborazione con Angelini e Giovanni Maria Lori. Nella stagione 2001/2002 interpreta il ruolo di Seymour, con Rossana Casale e Carlo Reali, nel musical della Compagnia della Rancia 'La Piccola Bottega degli Orrori', con regia di Saverio Marconi. Nel marzo 2003 debutta come protagonista nel musical-kolossal 'Pinocchio', prodotto dalla Compagnia della Rancia, con la regia di Saverio Marconi e le musiche dei Pooh.  A fine 2006 Manuel Frattini si trasforma in Peter Pan con le musiche di Edoardo Bennato, la tournèe sfiora 300 repliche sold out fino alla primavera del 2008, risultando il musical più visto e vincendo il prestigioso premio Biglietto d’Oro. Successivamente è il protagonista di 'Robin Hood' nelle stagioni 2008/2010. Il 2010 è anche l’anno di 'Aladin' il nuovo musical scritto da Stefano D’Orazio con le musiche dei Pooh.  A ottobre Manuel sbarca in America con 'Pinocchio', che viene rappresentato a New York nel prestigioso Danny Kaye Playhouse in occasione del Columbus Day a testimonianza della creatività italiana. Nelle stagioni teatrali 2011/2012 e 2012/2013 è in tournée con 'Peter Pan'. Nell'estate 2012 mette in scena 'Sindrome da musical', uno spettacolo scritto da Lena Biolcati con la regia di Alfonso Lambo. Nelle stagioni 2013/2015 interpreta Rodrigo, nello spettacolo della Compagnia della Rancia dal titolo 'Cercasi Cenerentola' con la regia di Saverio Marconi, il testo e le liriche di Stefano D’Orazio, mentre a settembre 2015 ritorna nelle vesti di Pinocchio che debutta a Milano in occasione di Expo.  A giugno 2017 Frattini è stato protagonista del musical di George Gershwin Crazy for you, che ha debuttato al Teatro Duse di Bologna per la regia di Mauro Simone con i giovani talenti della Bernstein School of Musical Theatre nell’ambito del “A Summer Musical Festival”. Nella stagione 2017/2018 è tornato a interpretare il musical 'Robin Hood', con la regia di Mauro Simone, accanto a Fatima Trotta nel ruolo di Lady Marian. Nella stagione 2018/2019 è stato protagonista del musical 'Priscilla' nel ruolo di Bernadette. Nel corso della sua carriera Manuel Frattini ha ricevuto numerosi premi e riconoscimenti, tra cui: il Premio Bob Fosse, il Premio Danza&Danza; come Miglior interprete italiano della stagione 1996/1997 per Cantando sotto la Pioggia; il Primo Premio Nazionale Sandro Massimini (Festival Internazionale dell'Operetta di Trieste 1997).  Nel 2004 riceve il premio Musical Award come migliore protagonista del della stagione; nel 2011 gli viene consegnato il Premio alla Carriera, nel corso della rassegna “Musical Day” e nel 2013 riceve lo stesso premio dalla rassegna “Tip Tap Show”. Nel 2016 vince il prestigioso Premio Flaiano per la sezione Musical. Accanto alla sua attività di performer, Manuel Frattini si è dedicato all’insegnamento, tenendo corsi di perfezionamento e stage nelle più prestigiose Accademie italiane.

  • Tiziano Ferro si riprende e da dietro spunta il marito “censurato”

    Il cantante stava suonando il pianoforte e intonando una canzone, quando da dietro compare Victor Allen.