Mmm... la pagina che stai cercando non si trova qui. Prova a cercare in alto.
  • Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus: arriva la polizza per ricoveri e quarantena

    In piena emergenza Covid-19 anche le compagnie assicurative stanno cercando di adattarsi alla situazione sviluppando nuove coperture in grado di aiutare imprese e privati a far fronte a questa inedita situazione. L’ultima novità in materia di polizze salute è l’assicurazione per indennità da sindromi influenzali da Pandemia, annunciata da Facile.it. Il prodotto, di Rbm Assicurazione Salute e disponibile grazie alla collaborazione con Facile.it, è nato proprio per offrire un aiuto finanziario ai soggetti colpiti dal Covid-19, e, al contempo, dare un contributo economico alla Protezione Civile: per ogni polizza acquistata tramite Facile.it, il comparatore donerà 5 euro a supporto dell’organizzazione impegnata in prima linea nella gestione dell’emergenza sanitaria. La polizza offre un’indennità economica se, a seguito del contagio, l’assicurato viene ricoverato presso una struttura ospedaliera; in questo caso è garantita una diaria che varia dai 35 ai 70 euro al giorno a cui si somma, se il ricovero è in terapia intensiva, anche un rimborso una tantum, riconosciuto al termine della convalescenza, di importo variabile tra i 1.500 e i 3.500 euro.  La polizza opera anche se l’assicurato positivo al Covid-19 viene sottoposto dall’Autorità Sanitaria competente alla quarantena obbligatoria domiciliare; in questo caso viene riconosciuta un’indennità una tantum che varia dai 250 ai 500 euro. Proprio perché pensato appositamente per far fronte all’attuale emergenza, l’Assicurazione per Indennità da Sindromi Influenzali da Pandemia supera alcune delle tradizionali esclusioni che, in un contesto come quello attuale, rendono di fatto inefficaci le normali polizze salute; a differenze di altre coperture, ad esempio, questa polizza è valida anche nel caso in cui il soggetto assicurato avesse altre malattie (anche croniche e recidive), malformazioni e stati patologici antecedenti alla sottoscrizione dell’assicurazione.  Elemento fondamentale visto che i soggetti colpiti più duramente dal Covid-19 sono spesso coloro che hanno altre patologie pregresse. Inoltre, la data di decorrenza della polizza coincide con la data di sottoscrizione; questo significa che l'indennità da ricovero, in caso di esigenza, viene riconosciuta dal giorno successivo alla firma del contratto, a differenza di molte altre coperture presenti sul mercato, che prevedono un periodo di attesa, tecnicamente definito periodo di carenza, che in alcuni casi arriva fino a 45 giorni.  Altro tratto distintivo della copertura è che può essere sottoscritta online e intestata a soggetti terzi; caratteristiche particolarmente utili per proteggere familiari che si trovano lontani da casa e magari hanno poca dimestichezza con gli strumenti digitali. La copertura è valida anche nel caso in cui l’assicurato si trovi all’estero e, a causa del contagio, venga ricoverato in ospedale o messo in quarantena obbligatoria. È possibile assicurare persone con età compresa tra 18 e 70 anni. Pur avendo eliminato gran parte delle esclusioni presenti nelle tradizionali polizze salute, l’Assicurazione per Indennità da Sindromi Influenzali da Pandemia prevede alcune limitazioni pertanto, come sempre, il consiglio è di guardare con attenzione i fogli informativi prima di sottoscrivere la copertura.  La polizza non è valida, ad esempio, se, prima di acquistare la copertura, l’assicurato è risultato positivo al Covid-19 o è stato sottoposto a tampone di cui ancora non sono noti i risultati, se si ha più di 70 anni o, anche, se si fa parte di alcune categorie professionali come, sempre in via esplicativa, i medici, gli infermieri, gli operatori sociosanitari.

  • Notizie
    notizie.it

    Alba Parietti senza trucco in pigiama: i commenti dei fan

    Alba Parietti è recentemente apparsa su Instagram completamente senza trucco e in pigiama: i commenti dei fan si sono divisi

  • Finanza
    Adnkronos

    Bonus 100 euro dipendenti: tutto quello che c’è da sapere

    Tra le misure prese dal decreto Cura Italia a sostegno delle famiglie c’è anche un premio di 100 euro netti nella busta paga di lavoratori dipendenti pubblici e privati. Questo però, riferisce money.it, ha una platea di beneficiari ben definita: si tratta dei dipendenti che, durante il mese di marzo, hanno continuato a lavorare presso la propria sede, nonostante le misure di contenimento del contagio.  L’altro fondamentale requisito per poter beneficiare del bonus è avere un reddito da lavoro annuo non superiore a 40.000 euro. Si tratta quindi di un bonus destinato a quelle categorie di lavoratori che non possono svolgere le proprie mansioni in smart working.  Il premio spetta anche a chi si è recato qualche giorno del mese di marzo in ufficio, prima della pubblicazione del decreto a cui è seguito il lockdown della penisola: in questo caso, l’importo del premio sarà rimodulato in base ai giorni lavorati in sede.  Ci sono due modi in cui il bonus 100 euro può essere erogato ai dipendenti: nella busta paga di aprile, oppure come conguaglio di fine anno.  A dare maggiori informazioni è stata l’Agenzia delle Entrate, che ha spiegato come il calcolo per il bonus di 100 euro venga effettuato tramite il rapporto tra le ore effettive lavorate nel mese e le ore lavorabili come previsto contrattualmente.  La modalità di calcolo delle ore rimane la stessa anche per i lavoratori part-time. Nel conteggio non devono essere prese in considerazione le giornate di ferie o malattia.  Infine, è importante sottolineare che il premio è stato pensato per i dipendenti che non hanno potuto usufruire del lavoro agile nonostante il pericolo del contagio: di conseguenza, i lavoratori in smart working non hanno diritto al bonus 100 euro.

  • Notizie
    notizie.it

    Gianni Morandi criticato per la foto con la mascherina: i dettagli

    Gianni Morandi è stato aspramente preso di mira sui social per via di una foto con la mascherina: le critiche mosse al cantante

  • Finanza
    Adnkronos

    Gualtieri: "Italia vince, ora eurobond sul tavolo"

    "L’accordo raggiunto dall’Eurogruppo sul pacchetto di proposte per l’emergenza Covid-19 da sottoporre alle decisioni del Consiglio Europeo costituisce un ottimo risultato che giunge dopo un negoziato difficile e a tratti aspro". Lo afferma il ministro per l'Economia, Roberto Gualtieri. "L'Italia vince. Zero condizionalità sul Mes. E ora sul tavolo gli eurobond". "Grazie alla solida alleanza tra l’Italia e gli altri paesi firmatari della lettera promossa dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, l’agenda europea è cambiata e si è passati da un documento con un'unica proposta, il MES con condizionalità leggere, a un pacchetto di quattro proposte che include 200 miliardi della Bei per le imprese, 100 miliardi che attraverso il nuovo programma SURE contribuiranno a finanziare la cassa integrazione e la proposta italo-francese di un grande Fondo per la Ripresa alimentato dall’emissione di debito comune europeo", aggiunge. "Inoltre -spiega- ai paesi che vorranno farvi ricorso, sarà possibile accedere a una nuova linea di credito dedicata unicamente all’emergenza sanitaria, che sarà totalmente priva di ogni condizionalità presente e futura. Consegniamo ai leader un pacchetto ambizioso di proposte, l’Italia si batterà con determinazione perché le decisioni del Consiglio europeo siano all’altezza della sfida che l’Europa sta affrontando".

  • Notizie
    notizie.it

    Lo sfogo di Gianni Sperti è contro Paola Barale? Le parole

    Il lungo sfogo di Gianni Sperti via social sembra fare dei chiari riferimenti alla fine della sua storia con Paola Barale.

  • Sport
    Goal.com

    L’aneddoto di André Castro su Del Piero: “Si scusò con me, che spettacolo”

    André Castro ricorda un aneddoto accaduto molti anni fa: “Del Piero si scusò dopo avermi quasi colpito, pensai ‘Che spettacolo…’”.