• Notizie
    Adnkronos

    Coronavirus, nonna morta e mamma ricoverata: 2 bimbi soli in quarantena

    Due fratellini, che frequentano le scuole elementari di Montevarchi (Arezzo), soli in casa in quarantena. Le due figure adulte di riferimento e con cui vivevano, la madre e la nonna, sono state contagiate dal coronavirus: la mamma, operatrice sanitaria, è stata ricoverata nel reparto di malattie infettive dell'ospedale di Arezzo, mentre la nonna ottantenne purtroppo è deceduta giovedì scorso nello stesso nosocomio. E' una delle tante storie di drammi familiari che caratterizzano questa pandemia. A raccontare la vicenda è oggi il quotidiano "La Nazione" che specifica, però, come i due fratellini siano assistiti da una rete di solidarietà che coinvolge tutta la cittadina del Valdarno aretino, con il sindaco Silvia Chiassai nominato tutore.  Intorno ai due bambini - il più grande fa da baby papà al più piccolo - è stata stesa una rete di protezione a cui partecipano parenti, amici di famiglia, la parrocchia, il tessuto associativo da sempre vanto di Montevarchi. Parcheggiato nel giardino sotto casa, adeguatamente sanificato, riferisce "La Nazione", staziona h24 un camper con un volontario a turno, pronto ad accorrere in caso di emergenza. Parla di continuo con i bambini che si affacciano alla finestra, tira fuori una sedia pieghevole e si mette tranquillo ad ascoltare, a suggerire, a dare indicazioni. I fratelli, a loro volta, collaborano con la maturità di due adulti e mantengono costantemente, attraverso le videochiamate, contatti con la mamma ricoverata.  Anche durante la notte il servizio di sorveglianza non si interrompe, i piccoli hanno anche a disposizione un numero di telefono per chiamare a qualunque ora. Nessun problema per colazioni, pranzi, merende e cene: il volontario sale con la borsa delle pietanze pronte e la lascia sulla soglia dove i bimbi la ritirano. Sono i fratellini stessi a compilare la lista della spesa. Stanno bene, non presentano sintomi ma nelle prossime ore saranno sottoposti al tampone. Le condizioni della madre sarebbero in miglioramento e la speranza è che nei possa al più presto tornare dai suoi due bambini.

  • Notizie
    notizie.it

    La Madonna “appare” in piazza San Pietro durante benedizione del Papa

    Un nuvola avrebbe preso la forma della Madonna in piazza San Pietro durante la benedizione Urbi et Orbi.

  • Notizie
    notizie.it

    Bruciate due ambulanze a Martina Franca

    Drammatico evento nella notte: due ambulanze usate per soccorrere i malati di coronavirus sono state date alle fiamme a Martina Franca, in Puglia.

  • Notizie
    notizie.it

    Licia Nunez: “Non ho fatto in tempo a dire addio a mio padre”

    Licia Nunez parla della sua vita privata e racconta di non essere arrivata in tempo per dare l'addio al padre: "Se potessi tornare indietro lo farei".

  • Sport
    Goal.com

    Mutu e l'inizio shock all'Inter: "Peruzzi mi rincorse, dovetti scappare"

    Adrian Mutu ha ricordato gli inizi della sua avventura all’Inter: “Condividevo lo spogliatoio con i miei idoli”.

  • Notizie
    Adnkronos

    Arrestato figlio del boss Molè: sotto terra nascosti 500 chili di cocaina

    Gli uomini della squadra mobile di Reggio Calabria, insieme ai colleghi del commissariato di Gioia Tauro, hanno arrestato in flagranza di reato Rocco Molè, 25 anni, figlio del boss Girolamo, 59 anni, ergastolano ritenuto capo dell’omonima cosca di Gioia Tauro. Il giovane rampollo del capocosca nascondeva più di 537 chilogrammi di cocaina e oltre 24 chili di marijuana. L’arresto è avvenuto a seguito di una serie di perquisizioni in un capannone e in vari terreni nella disponibilità di Molè a Gioia Tauro.  All’interno del capannone, celati in ceste di plastica, gli investigatori hanno scovato 150 panetti di coca collocati in 75 pacchetti. Il resto della cocaina è stato rinvenuto nascosto sotto terra in alcuni fondi coltivati ad agrumeto adiacenti al capannone.  Gli uomini della squadra mobile, infatti, hanno notato che in quel pezzo di terreno la terra era stata smossa, e così hanno deciso di procedere allo scavo, scovando altri 340 panetti di cocaina in pacchi di plastica ben sigillati. In tutto, fra la coca rinvenuta nel capannone e quella scovata sottoterra, 537 chili di droga, per un valore di decine di milioni di euro. Inoltre, perquisendo la casa del giovane a Gioia Tauro, gli agenti hanno trovato anche 24 chili di marijuana sistemata in alcuni involucri.  Molè, che era sul posto al momento della perquisizione, ha riferito agli investigatori di essere l’unico detentore della droga. Da qui l’arresto in carcere poi convalidato dal Gip.

  • Notizie
    notizie.it

    Amici, Valentin su Francesca Tocca: “Faccio un passo indietro”

    Valentin Alexandru ha confermato la fine della storia d'amore tra Francesca Tocca e Raimondo Todaro