• Hjort: "In Usa sarei stato fuori su cauzione"

    "In America c'è un sistema diverso e probabilmente non sarei stato in cella, sarei uscito su cauzione". Sono le parole di Christian Gabriel Natale Hjort, accusato insieme a Finnegan Lee Elder di concorso in omicidio per la morte del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega.  Entrambi gli americani sono reclusi a Regina Coeli, dove una delegazione del Partito Radicale (Irene Testa, la tesoriera, il segretario del partito Maurizio Turco, la presidente dell’Istituto Luca Coscioni Maria Antonietta Farina Coscioni) ha fatto visita nell'ambito dell'iniziativa 'Ferragosto in carcere', un check sulle condizioni di detenzione negli istituti penitenziari italiani per renderli più trasparenti. "Natale Hjort non si è lamentato delle condizioni in cella, ci è sembrato invece molto incuriosito della nostra iniziativa. Avendo i genitori lontani, ci ha detto che li rivedrà probabilmente a settembre", riferisce all'Adnkronos Irene Testa, la tesoriera del Partito Radicale. I due americani sono tra gli oltre 1.000 detenuti reclusi a Regina Coeli, a fronte di una capienza di 616 posti letto nella struttura. Quella del sovraffollamento è tra le "evidenti criticità" riscontrate dal Partito Radicale nel carcere romano (e non solo). "E' un carcere vecchio, ci sono reparti davvero fatiscenti, le celle sono molto piccole (tre metri quadri con più letti a castello). In alcune ci sono muri davanti alla finestra. Troppi detenuti e pochi agenti penitenziari", sottolinea Testa ricordando che l'iniziativa promossa dal suo partito ha portato in quattro giorni (fino ad oggi) circa 300 visitatori, tra cui parlamentari di tutti gli schieramenti e avvocati, in oltre 70 penitenziari italiani di 17 Regioni. "I detenuti in custodia cautelare superano il 31%. Va rivisto - evidenzia Testa - tutto il sistema, serve una vera riforma della Giustizia. Il carcere, d'altronde, non è che l'appendice di un assetto che non funziona".

  • Aurora Ramazzotti, il lato b fa impazzire i fan: “Che chiap*e”

    Aurora Ramazzotti, attraverso il suo profilo Instagram, ha avuto la 'brillante' idea di mostre il suo lato b.

  • 90min

    Le 9 bombe di mercato di oggi: Balotelli-Brescia, nuove idee per l'Inter, Coutinho al Bayern

    Il momento del ritorno di Mario Balotelli in Serie A è arrivato, manca solo l'annuncio ufficiale per sancire il passaggio al Brescia. La permanenza di Dzeko alla Roma, con tanto di rinnovo, ha ovviamente causato conseguenze importanti in casa Inter: i nerazzurri valutano altre possibilità per l'attacco. Intanto emergono nuove idee per Napoli e Milan, legate perlopiù al reparto avanzato. Dopo l'esperienza francese, con Nizza e Olympique Marsiglia, Mario Balotelli è pronto a tornare in Serie A....

  • A Torino una ragazza di 17 anni malata di cuore è stata salvata senza trapianto

    È arrivata a Torino dalla Serbia per sottoporsi a un trapianto di cuore, ma i medici le hanno salvato la vita evitando l'intervento. Protagonista una ragazza di 17 anni, giunta da Belgrado all'ospedale Infantile Regina Margherita di Torino con il cuore univentricolare. Una patologia che solitamente richiede il trapianto, "evitato" dai medici grazie a un complesso intervento chirurgico che permetterà alla giovane di tornare a casa con il suo cuore funzionante.La ragazza, portatrice dalla nascita di una grave cardiopatia congenita, era già stata sottoposta in Serbia a due interventi cardiochirurgici, che però non avevano dato i risultati attesi. Grazie all'accordo tra il governo serbo e l'Italia, il caso è stato segnalato al Centro di coordinamento trapianti nazionale, che ha lanciato l'appello ai centri regionali. A raccoglierlo è stata la Cardiochirurgia pediatrica dell'ospedale Regina Margherita diretta dal dottor Carlo Pace Napoleone, dove la paziente è giunta lo scorso giugno in condizioni disperate.Dopo gli accertamenti eseguiti dall'equipe della Cardiologia pediatrica diretta dalla dottoressa Gabriella Agnoletti, i cardiochirurghi hanno deciso di rinunciare al trapianto e operare la ragazza a cuore aperto. Un intervento durati circa 8 ore, con i medici che hanno ricostruito un collegamento diretto tra le vene che portano il sangue non ossigenato al cuore e i polmoni, senza passare per il ventricolo destro iposviluppato. Ora la ragazza, che durante la degenza ha festeggiato anche i 18 anni, tornerà a casa e potrà condurre una vita normale.Una storia a lieto fine, dove un ruolo importante è stato svolto anche dall'Associazione Amici bambini cardiopatici, che con la presidente Marina De Nardo ha garantito il supporto logistico alla paziente e ai suoi famigliari. "Allo stato attuale - ha spiegato il direttore sanitario della Città della Salute di Torino Giovanni La Valle - la nostra struttura rappresenta l'unico esempio regionale e uno dei pochi a livello nazionale nel quale le cardiopatie congenite possono essere curate indipendentemente dall'eta' del paziente, potendone garantire la presa in carico dall'eta' pediatrica fino alla transizione all'età adulta. I vincoli assistenziali dovranno essere salvaguardati senza ostacolare però una attività che rappresenta una necessità imprescindibile per questa categoria di pazienti, oltre che un fiore all'occhiello della nostra azienda".

  • Giovane scomparso in mare viene ritrovato a Messina: è in buona salute

    Il ragazzo si era allontanato a bordo del materassino nel mare antistante Scilla. I soccorritori, però, lo hanno ritrovato a Messina.

  • Tra Diletta e King Toretto l'intesa cresce

    Al grido di: “I 28 sono i nuovi 18” si è concluso il super party di Diletta Leotta, con un invitato speciale...

  • Arisa, la foto in bikini ottiene il pieno di like: “Sto da Dio”

    Arisa è diventata una vera e propria bomba sexy: il suo ultimo scatto Instagram in bikini ha fatto impazzire i fan