Mmm... la pagina che stai cercando non si trova qui. Prova a cercare in alto.
  • Health
    Yahoo Notizie

    Una vitamina protegge dalle complicanze del coronavirus: la scoperta

    Chi ha buoni livelli di questa vitamina nel sangue riduce del 55% il rischio di morte

  • Sport
    Goal.com

    Cassano e la rivelazione su Conte: "Non voleva Pirlo nella sua Juventus"

    Il talento di Bari Vecchia parla delle scelte di Conte: "Eriksen fuori? Follia". Su Dybala: "Un buon giocatore, lo fanno passare per un fenomeno".

  • Politica
    Adnkronos

    M5S, ira parlamentari contro Taverna per indennità in beneficenza

    E' guerra aperta tra Camera e Senato contro la vicepresidente di Palazzo Madama Paola Taverna, finita nel mirino di diversi parlamentari grillini per il video, pubblicato su Facebook subito dopo la tornata elettorale, in cui si difende a spada tratta dall'azione disciplinare intentata dai probiviri del M5S contro di lei per presunte mancate restituzioni. Così, volto fiero rivolto alla telecamera, Taverna ha snocciolato i numeri di quanto versato in questi 7 anni, ben 309mila euro. Ma a indispettire deputati e senatori -che si sfogano nelle rispettive chat visionate dall'Adnkronos- è l'ammissione, da parte della vicepresidente di Palazzo Madama, di aver chiesto all'amministrazione del Senato, a maggio scorso, la restituzione degli arretrati dell'indennità aggiuntiva da vicepresidente, cui aveva rinunciato,, per un fine nobile: donare tutto alla Protezione Civile per fronteggiare l'emergenza Covid. Quarantaseimila euro, più altri bonifici da 1.750. Una scelta, la sua, che però ha surriscaldato gli animi. I parlamentari pentastellati, da sempre, rinunciano ai 'benefit' dovuti a deputati e senatori che rivestono ruoli istituzionali. Tra questi, dunque, anche la parlamentare romana. E' una regola scritta nero su bianco nei regolamenti di M5S di Camera e Senato che prevedono la rinuncia preventiva dell'indennità di carica, come ribadito in una mail del capo politico Vito Crimi lo scorso maggio. E qui nasce il malcontento che trova sfogo nelle ultime conversazioni tra gli eletti, e nei corridoi di Montecitorio e Palazzo Madama. A chi chiede chiarimenti, in particolare il senatore ligure Mattia Crucioli, Taverna risponde piccata, spiegando di aver restituito a un ente pubblico, "non a chi mi pareva", e di non essere in vena di ulteriori reprimende. Poi, interpellata dall'Adnkronos, spiega che "superata l'emergenza Covid, tornerà a rinunciare al benefit" da vicepresidente del Senato. Susy Matrisciano, presidente della commissione Lavoro di palazzo Madama e dunque anche lei tra i rinunciatari della indennità prevista, ricorda con rammarico di aver chiesto di poter donare la sua quota, ma di aver ottenuto un secco niet dai vertici.  Molto più agguerrita la chat di Montecitorio, complice l'assenza di Taverna tra i membri. Qui c'è chi addirittura invoca l'espulsione, puntando il dito contro presunte disparità di trattamento. Tra le più contrariate, Teresa Manzo, Emanuela Corda, Patrizia Terzoni, Federica Dieni, quest'ultima membro del Copasir. Incredulo anche il deputato Raphael Raduzzi. Anche perché nella chat, inizia a farsi largo un dubbio: a fine legislatura qualsiasi presidente di commissione può rientrare in possesso della somma a cui aveva rinunciato? E, potenzialmente - il timore che rimbalza - farne ciò che vuole? Ma soprattutto in molti chiedono di poter seguire, a partire da ora, l'esempio di Taverna, devolvendo i benefit ad enti no profit. "Basta saperlo - scrivono in molti - e non dare luogo a diversità di trattamento". (di Ileana Sciarra e Antonio Atte)

  • Lifestyle
    notizie.it

    Al Gf Vip la Orlando a cuore aperto: "Pensa quanto amo quest'uomo"

    Stefania Orlando si è confessata a cuore aperto, rivelando dettagli aneddoti sugli uomini della sua vita (passati e presenti)

  • Sport
    90min

    Una B di lusso: da Boateng a Menez, le stelle del campionato cadetto

    Le stelle e i nomi d'impatto del campionato di Serie A

  • Notizie
    Stats Perform News

    Fittipaldi: "Debiti? Ecco la mia verità"

    L'ex pilota brasiliano parla della sua complicata situazione economica

  • Notizie
    Adnkronos

    Feltri: "Berlusconi? Già è un miracolo che sia vivo"

    Salvini? "Ultimamente non ho capito le sue mosse. Il mojito? Ognuno beve quello che vuole, se ce la pigliamo per queste cose siamo veramente rimasti all'oratorio del 1952. La citofonata? Quella è una cazzata. Ma il problema è che la Lega ha fatto un errore grandissimo, lo ha fatto Salvini: rimango dell'idea che la sua decisione di abbandonare il governo sia stata un'idiozia, a meno che non fosse sicuro che si potesse tornare a votare. Ma solo un illuso poteva pensare una cosa simile, quindi Salvini se l'è presa in saccoccia, e se la tenga". Ieri sera, nel corso di 'Piazzapulita' su La7, Luca Bertazzoni ha intervistato il direttore editoriale di 'Libero' Vittorio Feltri sui risultati delle elezioni regionali. Meloni? "Io la stimo molto - continua Feltri - perché è partita da una formazione da 1,3%, quindi da niente come un Renzi qualsiasi, e nel giro di pochi anni è riuscita ad arrivare a livelli importanti. Berlusconi? Credo che sia già un miracolo che sia vivo, e ne sono contento". E su Europa e sovranismo, "uscire dall'Euro non sarebbe una cattiva idea - spiega -, però sta di fatto che l'Europa c'è, noi in Europa ci siamo, fintanto che siamo dobbiamo attenerci alle regole. Non farlo significa essere imbecilli, e siccome gli imbecilli non mancano vedo tanti tentativi di disubbidire all'Europa. Se vogliamo disubbidire del tutto ne usciamo, poi sono affari nostri". Fischiano un po' le orecchie a Salvini? "Non lo so, io dico una cosa logica. Non credo di dire delle cose strane. Anche i sovranisti continuano a rompere i coglioni, ma poi - conclude - rimangono lì...".