Argomento

Coronavirus, segnali di speranza | Le buone notizie

Le notizie e gli aggiornamenti sul coronavirus in Italia

  • notizie.it

    Mattia è guarito: “Lo avevo promesso alla mamma”

    Mattia ha lottato per settimane contro il coronavirus ed è diventato "il figlio di tutti": la sua storia ha commosso l'Italia.

  • Yahoo Notizie

    Ozonoterapia, una speranza nella lotta al Coronavirus

    A Udine, su 36 malati con polmonite e difficoltà respiratorie, soltanto uno è stato intubato.

  • Yahoo Notizie

    Miss Inghilterra torna in corsia per curare i malati di coronavirus

    Bhasha Mukherjee, incoronata la più bella del Regno Unito nel 2019 e laureata in medicina, ha raggiunto Londra per aiutare il suo Paese in piena emergenza sanitaria.

  • Yahoo Notizie

    Coronavirus, Wuhan finisce il lockdown

    È stata la città che ha visto scoppiare il primo focolaio di coronavirus, ma ora l'incubo sembra finito. Wuhan riapre e pone fine al lockdown iniziato lo scorso 23 gennaio. Cade il divieto di lasciare la città, riaprono i caselli autostradali e si mettono in moto i treni in uscita. I controlli per chi esce restano comunque altissimi.

  • Yahoo Notizie

    Coronavirus, Bill Gates finanzia un vaccino: al via test negli Usa

    La FDA ha dato il via libera alla sperimentazione del composto, 40 volontari hanno ricevuto la prima dose. I dati della sicurezza dello studio verranno forniti in estate

  • Adnkronos

    Coronavirus: è nata la figlia del paziente 1 di Codogno

    di Silvia Mancinelli E' nata Giulia, la figlia del paziente 1 di Codogno. La notizia, divulgata dai residenti del comune in provincia di Lodi tra i dieci della ex zona rossa d'Italia, dà speranza a quanti lottano contro il virus da oltre un mese.  Mattia, il 38enne ricoverato la sera del 19 febbraio scorso nel presidio ospedaliero della cittadina e poi trasferito nel reparto di rianimazione del San Matteo di Pavia, ha vinto la sua battaglia contro il virus e oggi ha dato una nuova vita a una nazione che piange morti e lotta contro la paura.

  • Adnkronos

    Coronavirus, lo studio: "In Italia 'decessi zero' dal 19 maggio"

    L'Italia ha superato la fase di picco di Covid-19 e il 19 maggio raggiungerà il traguardo 'zero decessi', salvo un allentamento delle misure di distanziamento sociale o un rimbalzo dei contagi. E il totale dei decessi registrati nel nostro Paese sarà di 20.300 al 4 agosto 2020. E' quanto stima l'Institute for health metrics and evaluation (Ihme), organizzazione indipendente della School of Medicine dell'Università di Washington, che fornisce i dati alla Casa Bianca, e che ha pubblicato oggi le proprie previsioni sull'evoluzione della pandemia in Europa. Dai numerosi grafici contenuti nel rapporto si evince inoltre che il superamento della fase di picco non riguarda tutte le regioni: la Calabria infatti lo raggiungerà oggi e la Puglia il 16 aprile.  IN EUROPA PREVISTI OLTRE 151MILA MORTI E PICCO TERZA SETTIMANA DI APRILE - Il picco della pandemia, già superato in Italia e Spagna, si verificherà in Europa durante la terza settimana di aprile, e alla fine di quella che i ricercatori chiamano la 'prima ondata' della pandemia - e che si spera resti l'unica - saranno 151.680 i decessi. "Settimane preoccupanti attendono molti Stati europei", afferma Christopher Murray, direttore dell’Ihme. Questo, nonostante la diminuzione dei decessi attualmente registrata in Italia e Spagna. Il numero di morti in molti Paesi - osserva l'Istituto - è aggravato dalla domanda di accoglienza ospedaliera, che va ben oltre la disponibilità. Per esempio, si prevede che il picco di domanda nel Regno Unito raggiunga un totale di 102.794 posti letto a fronte dei 17.765 disponibili, 24.544 posti in terapia intensiva a fronte di 799 disponibili, e 20.862 respiratori (il dato riguardante la disponibilità dei respiratori non è disponibile). I Paesi che stanno per raggiungere il picco o che vi si stanno avvicinando rapidamente in questa ondata dell’epidemia sono: Olanda, Irlanda, Austria e Lussemburgo, mentre Repubblica Ceca e Romania sono a metà strada della traiettoria prevista per questi Paesi. Altre nazioni, inclusi il Regno Unito, la Germania, la Norvegia e la Grecia sono ancora all’inizio del contagio e vedranno il numero dei decessi aumentare rapidamente per raggiungere il picco nella seconda e terza settimana di aprile. "E' evidente senza ombra di dubbio che le misure di distanziamento sociale attuate e mantenute correttamente possono controllare l’epidemia e contribuire a ridurre il numero dei decessi", sostiene Murray, avvertendo però che "la tendenza cambierà, e drammaticamente in peggio, se si sceglierà di allentare le misure". Murray ricorda infatti che allentare tali precauzioni troppo presto durante la prima ondata della pandemia potrebbe causare nuove ondate di infezione, ricoveri e decessi.  "Per diminuire il rischio di una seconda ondata, dove la prima è controllata da misure importanti di distanziamento sociale - sostiene - i governi dovranno prendere in considerazione test di massa, tracciatura dei contatti e quarantena per gli infetti fino a che un vaccino non sia disponibile, con produzione e distribuzione di massa".

  • Adnkronos

    Coronavirus, D'Amato: "A Roma solo 26 nuovi casi"

    "Bene Roma città, che continua il rallentamento con 26 casi" positivi a Covid-19. Lo sottolinea l'assessore alla Sanità e integrazione sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D’Amato, al termine dell’odierna videoconferenza della task-force regionale per il Covid-19 con i direttori generali delle Asl, aziende ospedaliere, Policlinici universitari e ospedale pediatrico Bambino Gesù. “Oggi registriamo un dato di 118 casi di positività, si conferma il rallentamento del trend che per la prima volta scende sotto al 3% e per la prima volta diminuisce il dato complessivo dei ricoverati nelle terapie intensive: - 5 passando, da 197 di ieri a 192 di oggi. Ora non bisogna mollare", continua D'Amato.  Nel lazio sono 3.365 i casi di Covid-19. Di questi 1.944 sono in isolamento domiciliare, 1.229 sono ricoverati non in terapia intensiva, 192 sono ricoverati in terapia intensiva. Sono 238 i pazienti deceduti e 546 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 4.149 casi.

  • Yahoo Notizie

    Wuhan riapre e riparte, ma per muoversi serve un'app

    Wuhan riapre, gli abitanti potranno muoversi e viaggiare ma per farlo avranno bisogno del "codice verde"

  • Yahoo Notizie

    Coronavirus, dalla Cina: "Il sangue dei guariti funziona"

    Il quadro clinico dei pazienti è migliorato dopo appena 3 giorni dall'inizio del trattamento