Argomento

Emergenza Coronavirus

Tutto ciò che devi sapere sul COVID-19

ConfermatiDeceduti
Italia241.41934.854
Nel mondo11.156.638526.369
Ultimo aggiornamento: lug 5 Fonte dati: CDC, WHO

I dati dell'emergenza in Italia e nel mondo

Videoconsigli per difendersi dal COVID-19

Coronavirus, simulazione di contagio in treno

Il video realizzato dalla MSC Software mostra come, anche solo parlando, in un treno della metropolitana sia facile contagiare un'altra persona. Al contrario indossare la mascherina limita molto il rischio.
  • 00:46
  • 01:35
  • 00:55
  • 02:40
  • 01:17
  • 01:40
  • 01:13
  • 01:02
  • 00:38
  • 01:42

Coronavirus: le ultime notizie

  • Yahoo Notizie

    Coronavirus: vittime, contagi, nuovi focolai. Le news in tempo reale

    Gli aggiornamenti in tempo reale sull'emergenza coronavirus in Italia.

  • Yahoo Notizie

    Codogno, riapre il Pronto Soccorso: c'è un caso sospetto

    La struttura era stata chiusa a febbraio dopo i primi casi di coronavirus, oggi la riapertura e il primo sospetto instradato in isolamento

  • Adnkronos

    Crisi bar e ristoranti, fatturati dimezzati per 1 su 3

    Smartworking e crollo del turismo travolgono bar e ristoranti: gli 11 milioni di turisti che mancano all'appello e l'1,6 milioni di lavoratori da 'casa', 500mila solo a Roma, fa crollare il fatturato delle attività: un’impresa su tre registra un calo di oltre la metà del fatturato, e il 21,8%, oltre due attività su dieci, temono la chiusura. Se la situazione dovesse continuare, l’87,5% delle imprese valuterà di ridurre i dipendenti definitivamente. È quanto emerge da un sondaggio condotto tra circa 300 imprese associate a Fiepet, la federazione italiana dei pubblici esercizi aderente a Confesercenti. Lo svuotamento delle città, d'altra parte, annotano ancora Fieper e Conesercenti, è impressionante: quest’estate mancheranno all’appello, oltre ai circa 11 milioni di turisti stranieri, almeno 1,6 milioni di dipendenti pubblici in smartworking. Un fenomeno evidente soprattutto nelle grandi città: i lavoratori agili a Roma sono quasi mezzo milione, a Milano circa 269mila. "Un quadro che per le imprese è al limite della sostenibilità: se la situazione non dovesse stabilizzarsi al più presto, il 62,1% delle imprese teme di dover rinunciare all’attività."  “La situazione è critica: le attività non possono durare a lungo in questo stato”, commenta Giancarlo Banchieri, Presidente di Fiepet Confesercenti. “È urgente trovare delle soluzioni. In primo luogo, dobbiamo rinforzare e prolungare le misure di sostegno per le imprese e per i lavoratori: il periodo di cassa integrazione sta per finire, e se la fase critica continuerà molti imprenditori saranno costretti a ridurre il numero dei dipendenti. La nostra proposta è di estendere anche alle attività di somministrazione gli sgravi contributivi già previsti per il turismo agli imprenditori che riassumono i dipendenti in cassa integrazione. Così si sostiene chi riapre e lo Stato avrà meno persone in cassa integrazione”. “La fase del sostegno, però, non può durare per sempre: bisogna dare un orizzonte alle imprese e programmare la transizione. Se per i flussi turistici il futuro è incerto, è invece possibile ed opportuno definire in maniera chiara tempi e modi dello smartworking, nel rispetto delle normative di sicurezza: il lavoro agile è una rivoluzione che avrà un impatto duraturo sui lavoratori, sulle città e sulla struttura stessa dell’economia, e deve essere gestita", conclude.

  • Adnkronos

    Crisanti: "Veneto? Prevedibile, Zaia se la prenda con suoi consiglieri"

    "Era prevedibile, da aprile ripeto che bisogna dire la verità ai cittadini. Se si racconta che il virus è sparito le persone abbassano l'attenzione. L'ironia della sorte è che due dei firmatari del documento che sostiene questa tesi, Palù e Rigoli, siano tra i più ascoltati consulenti di Zaia". Lo afferma a 'La Stampa', Andrea Crisanti, 65 anni, ordinario di Microbiologia all'Università di Padova e virologo del modello veneto e dei tamponi mirati a Vo' Euganeo, che in diverse interviste, rilasciate anche al 'Giornale' e a 'la Repubblica', commenta quanto sta accadendo in Veneto, all'indomani delle accuse del governatore del Veneto Luca Zaia che ha puntato il dito contro alcuni comportamenti "irresponsabili" che hanno fatto nuovamente salire l'indice Rt.  Il ritorno dei contagi, spiega Cristanti, "è un dato normale. I focolai vanno dati per scontati, ma bisogna identificarli subito e spegnerli. Zaia più che arrabbiarsi con i veneti dovrebbe prendersela con i tecnici che gli stanno vicino".  Crisanti, a 'la Repubblica', spiega: "Io lo avevo detto il 7 aprile che saremmo andati incontro a un periodo con diversi focolai. L’importante è capire perché queste cose accadono. L’Italia non è in una bolla protetta, l’altro giorno nel mondo ci sono stati 215mila casi in 24 ore, è impossibile pensare di restarne fuori. E poi il virus comunque continua a circolare anche da noi. Il problema quindi non è impedire che i focolai si accendano, perché sono inevitabili, ma tenerli sotto controllo". E per controllarli "vanno fatti tanti tamponi, a tutta la rete di contatti. A parenti, amici, vicini di casa, colleghi delle persone colpite. E poi bisogna procedere con isolamenti e quarantene. In questo frangente il test sierologico non serve perché guarda soltanto al passato e noi abbiamo bisogno di intercettare chi è infetto in questo momento".  A 'Il Giornale' il virologo sottolinea che in vista dell'autunno "l’importante è contenere subito i focolai, non devono ingrandirsi. Non mi sento davvero di far previsioni su quello che potrebbe accadere ad ottobre o novembre". "Io comprendo la voglia di lasciarci la crisi dietro le spalle e di tornare ad una vita normale ma basta poco: evitare gli assembramenti e soprattutto stare attenti quando si incontrano persone che non si conoscono, evitare i contatti", osserva Crisanti.

  • Adnkronos

    Usa, positiva al Covid la fidanzata del figlio di Trump

    Kimberly Guilfoyle, fidanzata di Donald Trump jr e impegnata nella raccolta fondi per la campagna del presidente, è risultata positiva al coronavirus. Lo ha reso noto il capo dello staff del comitato da lei guidato, Sergio Gor, secondo cui "dopo essere risultata positiva, Kimberly è stata immediatamente messa in isolamento per limitare qualsiasi contatto".  Kimberly "sta bene e sarà risottoposta a tampone per assicurare che la diagnosi sia corretta, dal momento che è asintomatica, ma in via precauzionale cancellerà tutti i prossimi impegni", ha aggiunto Gor, secondo cui Donald Trump jr. "è risultato negativo, ma anche lui si è messo in isolamento e ha cancellato tutti gli eventi pubblici".  Guilfoyle è risultata positiva al coronavirus in Sud Dakota, prima della partecipazione all'evento con il presidente sotto il Monte Rushmore in occasione delle celebrazioni del 4 luglio. Una fonte vicina alla campagna ha precisato che la donna non era con Trump, con cui non ha avuto contatti di recente, l'ultimo risalente al 20 giugno scorso, in occasione del comizio a Tulsa, in Oklahoma.

  • Yahoo Notizie

    Covid, matematica mostra "morti anomale in Italia"

    All’inizio dell’epidemia di Covid-19, in Italia si è verificato un “picco anomalo di decessi” mentre in Iran, mentre Singapore, Sud Corea, Qatar e Australia si sono registrati livelli eccezionalmente bassi.

  • Adnkronos

    Indice Rt, il rapporto Regione per Regione: la situazione

    "Complessivamente il quadro generale della trasmissione e dell’impatto dell’infezione da Sars-Cov-2 in Italia rimane a bassa criticità con una incidenza cumulativa negli ultimi 14 giorni (dal 15 al 28 giugno) di 4,7 per 100.000 abitanti. A livello nazionale, si osserva una lieve diminuzione nel numero di nuovi casi diagnosticati e notificati al sistema integrato di sorveglianza coordinato dall’Istituto superiore di sanità rispetto alla settimana di monitoraggio precedente, con Rt nazionale inferiore a 1". E' quanto emerge dal report dell'Istituto superiore di sanità e del ministero della Salute, con i dati del monitoraggio della situazione in Italia nella settimana dal 22 al 28 giugno.  Le stime Rt, si spiega, tendono a fluttuare in alcune Regioni e province autonome in relazione alla comparsa di focolai di trasmissione che vengono successivamente contenuti. Si osservano, pertanto, stime superiori ad 1 in Regioni dove si sono verificati recenti focolai. Persiste l’assenza di segnali di sovraccarico dei servizi assistenziali.  Seppur in diminuzione, in alcune realtà regionali continuano ad essere segnalati numeri di nuovi casi elevati. Questo deve invitare alla cautela - si sottolinea - in quanto denota che in alcune parti del Paese la circolazione di Sars-Cov-2 è ancora rilevante. Nel dettaglio, sono tre le Regioni italiane dove si registra, relativamente alla settimana 22-28 giugno, un Rt superiore a 1: si tratta di Lazio (1.04), Veneto (1.12) ed Emilia Romagna (1.28). Inoltre, la Valle d'Aosta vanta un Rt pari a 0 e la Lombardia è a quota 0,89. E' quanto emerge dal report di monitoraggio Iss-ministero della Salute sull'epidemia di Covid-19 in Italia. "Sebbene le misure di lockdown in Italia abbiano permesso un controllo efficace dell’infezione da Sars-Cov-2, persiste una trasmissione diffusa del virus che, quando si verificano condizioni favorevoli, provoca focolai anche di dimensioni rilevanti" sottolinea il report.  "Il numero di nuovi casi di infezione rimane nel complesso contenuto. Questo avviene grazie alle attività di testing-tracing-tracking che permettono di interrompere potenziali catene di trasmissione sul nascere. La riduzione nei tempi tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi/isolamento - si spiega - permette una più tempestiva identificazione e assistenza clinica delle persone che contraggono l’infezione". In Italia c'è un "controllo efficace dell’infezione da Sars-Cov-2, ma va mantenuta alta l’attenzione" raccomanda il report Iss-ministero della Salute.  "Si raccomanda di mantenere elevata l'attenzione e continuare a rafforzare le attività di testing-tracing-tracking in modo da identificare precocemente tutti i potenziali focolai di trasmissione e continuare a controllare l’epidemia. È fondamentale - si legge - mantenere elevata la consapevolezza della popolazione generale sulla fluidità della situazione epidemiologica e sull’importanza di continuare a rispettare in modo rigoroso tutte le misure necessarie a ridurre il rischio di trasmissione quali l’igiene individuale e il distanziamento fisico". In conclusione, la situazione descritta nel "report, relativa prevalentemente alla prima metà di giugno 2020, è complessivamente positiva con piccoli segnali di allerta relativi alla trasmissione. Al momento i dati confermano l’opportunità di mantenere le misure di prevenzione e controllo già adottate dalle Regioni e province autonome".

  • notizie.it

    L'indice di contagio in Veneto è salito oltre la soglia dell'1

    Il rischio contagio da coronavirus in Veneto è passato da basso a elevato: lo afferma Zaia, annunciando una nuova ordinanza per inasprire le regole.

  • Yahoo Notizie

    Zangrillo: "21 decessi in Lombardia? Non per il Covid"

    Per Zangrillo non sono morte a causa del virus le 21 vittime registrate giovedì 2 luglio in Lombardia.

  • Yahoo Notizie

    Rapporti intimi in hotel: nuovi contagi in Australia

    Trentuno dei nuovi contagi proveniva dallo Stamford Plaza di Melbourne, un hotel dove passavano la quarantena coloro che rientravano da viaggi all'estero.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA