Argomento

Emergenza Coronavirus

Tutto ciò che devi sapere sul COVID-19

ConfermatiDeceduti
Italia308.10435.818
Nel mondo32.613.844989.728
Ultimo aggiornamento: set 26 Fonte dati: CDC, WHO

Covid, si può tornare allo stadio senza rischi?

  • Si potrebbe tornare serenamente allo stadio? Se il Cts ha deciso che non potremo tornare allo stadio occupando quel 25% di posti che la Conferenza delle Regioni aveva chiesto di poter aprire ai tifosi, a fare chiarezza sulla questione arriva un focus su 'Dottoremaeveroche.it', il sito anti-bufale della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), che invita a pensare alla questione "tornando nello stadio di San Siro, al 19 febbraio scorso, quando l’Atalanta e il Valencia si sfidavano per proseguire il proprio cammino in Europa". Un "dannato disastro che ha probabilmente amplificato il contagio del SarS-CoV-2 in Lombardia". "Proprio in queste settimane in cui le decisioni difficili assunte dalle istituzioni italiane sono celebrate rendendoci tutti orgogliosi dei sacrifici fatti, non si può non ammettere che giocare quella partita di calcio e permettere a diverse migliaia di tifosi di assieparsi sugli spalti non fu una buona idea. Il coronavirus era così presente all'interno dello stadio quella notte che al rientro in Spagna un giocatore su tre del Valencia risultò positivo", ricordano i dottori anti-bufale. Ma non accadde solo in Italia. "Nell'ultima settimana prima che lo sport americano chiudesse le porte, il famoso stadio coperto di New York – il Madison Square Garden – ha ospitato oltre centomila persone, senza che le autorità abbiano preso provvedimenti. E il risultato lo conosciamo. Secondo William Schaffner, medico infettivologo del Vanderbilt University Medical Center, gli specialisti considerano eventi del genere come un potenziale 'amplificatore distintivo': ambienti ideali per la trasmissione del virus". Perché può essere così pericoloso recarsi allo stadio? "Come hanno fatto osservare due ricercatori iraniani in una lettera all’Asian Journal of Sports Medicine, prima, durante e dopo la partita la distanza di sicurezza tra le persone non era adeguata, l’esposizione alle persone potenzialmente già contagiate durava a lungo e l’assembramento determinava una carica virale elevata. Il direttore del reparto di Terapia intensiva dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Luca Lorini, ha dichiarato pochi giorni dopo: "Sono sicuro che 40.000 persone si sono abbracciate e baciate per quattro volte, visto che l'Atalanta ha segnato quattro volte: un acceleratore incredibile per il contagio". "Un parere molto chiaro - continuano i dottori anti-bufale - è quello di Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), che ha rilasciato alla agenzia ADN Kronos una dichiarazione molto chiara: 'Abbiamo conquistato, grazie a mesi di disciplina, un primato riconosciuto dall’Europa nella gestione dell’epidemia di covid-19. Ora occorre continuare sulla strada della cautela e della prudenza, per non perdere i risultati acquisiti con tanti sacrifici. Questo anche in considerazione della riapertura delle scuole, che inevitabilmente porta a un moltiplicarsi dei contatti tra le persone, ma che deve essere ora considerata la priorità per il paese. Riaprire ora gli stadi potrebbe significare il ripetersi di quanto è successo con la riapertura delle discoteche. In questa fase, invito a migliorare la trasmissione delle partite attraverso canali televisivi, limitando, come già avviene, l’accesso agli stadi e mantenendo tutte le misure necessarie a evitare gli assembramenti e i contatti ravvicinati: distanziamento, accessi scaglionati, uso delle mascherine e dei disinfettanti'". Un altro aspetto molto importante da considerare poi "è che la permanenza in uno stadio, beninteso, con distanziamento fisico e all’aperto, espone al contatto con persone sconosciute. È un elemento fondamentale - dicono i dottori anti-bufale - che rende più problematica – se non impossibile – l’attività di tracciamento dei possibili contagi. Infatti, un conto è monitorare una classe scolastica o un reparto lavorativo, risalendo all’occorrenza ai contatti familiari e sociali dei diversi bambini o dei lavoratori, e un altro è ricostruire i possibili contatti tra sconosciuti che hanno trascorso vicini due ore del proprio tempo".  Quale futuro deve attendersi un tifoso di calcio? "Sicuramente, un auspicio per molti aspetti condivisibile è quello espresso dal ministro della Salute Roberto Speranza che ha detto di augurarsi di poter presto tornare presto tornare in tribuna per assistere ad una partita della propria squadra del cuore. Questo vorrebbe dire essere tornati alla normalità. Va detto, però, che il blocco di diversi mesi che ha interessato le manifestazioni sportive ha innescato dei filoni di ricerca interessanti. Per esempio, alcuni studiosi stanno interrogandosi sull’influenza positiva che una riduzione del numero degli spettatori potrebbe avere sull’ecosistema". "Ad ogni modo, è difficile pensare agli stadi vuoti come ad una nuova normalità: una decisione politica deve tenere conto del compromesso tra i benefici delle misure di protezione della salute e i costi della sospensione dell’industria degli sport di squadra, seguendo un principio di proporzionalità tra la rilevanza della decisione di sanità pubblica e la comprensibile aspirazione a non deprimere un insieme importante di attività economiche".

I dati dell'emergenza in Italia e nel mondo

Videoconsigli per difendersi dal COVID-19

Coronavirus, simulazione di contagio in treno

Il video realizzato dalla MSC Software mostra come, anche solo parlando, in un treno della metropolitana sia facile contagiare un'altra persona. Al contrario indossare la mascherina limita molto il rischio.
  • 00:46
  • 01:35
  • 00:55
  • 02:40
  • 01:17
  • 01:40
  • 01:13
  • 01:02
  • 00:38
  • 01:42

Coronavirus: le ultime notizie

  • Adnkronos

    Covid, si può tornare allo stadio senza rischi?

    Si potrebbe tornare serenamente allo stadio? Se il Cts ha deciso che non potremo tornare allo stadio occupando quel 25% di posti che la Conferenza delle Regioni aveva chiesto di poter aprire ai tifosi, a fare chiarezza sulla questione arriva un focus su 'Dottoremaeveroche.it', il sito anti-bufale della Federazione nazionale degli Ordini dei medici chirurghi e degli odontoiatri (Fnomceo), che invita a pensare alla questione "tornando nello stadio di San Siro, al 19 febbraio scorso, quando l’Atalanta e il Valencia si sfidavano per proseguire il proprio cammino in Europa". Un "dannato disastro che ha probabilmente amplificato il contagio del SarS-CoV-2 in Lombardia". "Proprio in queste settimane in cui le decisioni difficili assunte dalle istituzioni italiane sono celebrate rendendoci tutti orgogliosi dei sacrifici fatti, non si può non ammettere che giocare quella partita di calcio e permettere a diverse migliaia di tifosi di assieparsi sugli spalti non fu una buona idea. Il coronavirus era così presente all'interno dello stadio quella notte che al rientro in Spagna un giocatore su tre del Valencia risultò positivo", ricordano i dottori anti-bufale. Ma non accadde solo in Italia. "Nell'ultima settimana prima che lo sport americano chiudesse le porte, il famoso stadio coperto di New York – il Madison Square Garden – ha ospitato oltre centomila persone, senza che le autorità abbiano preso provvedimenti. E il risultato lo conosciamo. Secondo William Schaffner, medico infettivologo del Vanderbilt University Medical Center, gli specialisti considerano eventi del genere come un potenziale 'amplificatore distintivo': ambienti ideali per la trasmissione del virus". Perché può essere così pericoloso recarsi allo stadio? "Come hanno fatto osservare due ricercatori iraniani in una lettera all’Asian Journal of Sports Medicine, prima, durante e dopo la partita la distanza di sicurezza tra le persone non era adeguata, l’esposizione alle persone potenzialmente già contagiate durava a lungo e l’assembramento determinava una carica virale elevata. Il direttore del reparto di Terapia intensiva dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, Luca Lorini, ha dichiarato pochi giorni dopo: "Sono sicuro che 40.000 persone si sono abbracciate e baciate per quattro volte, visto che l'Atalanta ha segnato quattro volte: un acceleratore incredibile per il contagio". "Un parere molto chiaro - continuano i dottori anti-bufale - è quello di Filippo Anelli, presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici, chirurghi e odontoiatri (Fnomceo), che ha rilasciato alla agenzia ADN Kronos una dichiarazione molto chiara: 'Abbiamo conquistato, grazie a mesi di disciplina, un primato riconosciuto dall’Europa nella gestione dell’epidemia di covid-19. Ora occorre continuare sulla strada della cautela e della prudenza, per non perdere i risultati acquisiti con tanti sacrifici. Questo anche in considerazione della riapertura delle scuole, che inevitabilmente porta a un moltiplicarsi dei contatti tra le persone, ma che deve essere ora considerata la priorità per il paese. Riaprire ora gli stadi potrebbe significare il ripetersi di quanto è successo con la riapertura delle discoteche. In questa fase, invito a migliorare la trasmissione delle partite attraverso canali televisivi, limitando, come già avviene, l’accesso agli stadi e mantenendo tutte le misure necessarie a evitare gli assembramenti e i contatti ravvicinati: distanziamento, accessi scaglionati, uso delle mascherine e dei disinfettanti'". Un altro aspetto molto importante da considerare poi "è che la permanenza in uno stadio, beninteso, con distanziamento fisico e all’aperto, espone al contatto con persone sconosciute. È un elemento fondamentale - dicono i dottori anti-bufale - che rende più problematica – se non impossibile – l’attività di tracciamento dei possibili contagi. Infatti, un conto è monitorare una classe scolastica o un reparto lavorativo, risalendo all’occorrenza ai contatti familiari e sociali dei diversi bambini o dei lavoratori, e un altro è ricostruire i possibili contatti tra sconosciuti che hanno trascorso vicini due ore del proprio tempo".  Quale futuro deve attendersi un tifoso di calcio? "Sicuramente, un auspicio per molti aspetti condivisibile è quello espresso dal ministro della Salute Roberto Speranza che ha detto di augurarsi di poter presto tornare presto tornare in tribuna per assistere ad una partita della propria squadra del cuore. Questo vorrebbe dire essere tornati alla normalità. Va detto, però, che il blocco di diversi mesi che ha interessato le manifestazioni sportive ha innescato dei filoni di ricerca interessanti. Per esempio, alcuni studiosi stanno interrogandosi sull’influenza positiva che una riduzione del numero degli spettatori potrebbe avere sull’ecosistema". "Ad ogni modo, è difficile pensare agli stadi vuoti come ad una nuova normalità: una decisione politica deve tenere conto del compromesso tra i benefici delle misure di protezione della salute e i costi della sospensione dell’industria degli sport di squadra, seguendo un principio di proporzionalità tra la rilevanza della decisione di sanità pubblica e la comprensibile aspirazione a non deprimere un insieme importante di attività economiche".

  • Yahoo Notizie

    Coronavirus: vittime, contagi e tutte le news in tempo reale

    Gli aggiornamenti in tempo reale sull'emergenza coronavirus in Italia.

  • Yahoo Notizie Video

    Coronavirus. Niente Carnevale a Rio

    Il Carnevale di Rio de Janeiro, in Brasile, è stato rinviato a data da destinasi a causa della pandemia di Coronavirus che ha colpito il Paese molto duramente. Inevitabile la preoccupazione per la conseguente perdita economica. La decisione non ha colto di sorpresa le scuole di samba, le prime a segnalare la difficoltà di svolgere la manifestazione in sicurezza in assenza di un vaccino contro il Covid-19.

  • Yahoo Notizie

    Lopalco: "Da politici servono comportamenti più responsabili"

    "L'autunno sarà caldissimo, come l'inverno. Il vaccino prima di marzo 2021 sarà difficile averlo. La situazione rispetto a marzo scorso, però, è cambiata, in senso positivo, perché sappiamo come comportarci nei confronti di questo virus.

  • Yahoo Notizie

    Galli: "Il lockdown finora ci ha protetto, ma l'equilibrio è fragile"

    "Confido nel fatto che possa non verificarsi in Italia una seconda ondata. Dobbiamo però essere in grado di contenere i nuovi focolai. La mia personale impressione è che il lockdown per come lo abbiamo vissuto e sofferto, più rigoroso che altrove, abbia limitato la circolazione del virus in alcune parti d'Italia.

  • Yahoo Notizie

    Una vitamina protegge dalle complicanze del coronavirus: la scoperta

    Chi ha buoni livelli di questa vitamina nel sangue riduce del 55% il rischio di morte

  • Yahoo Notizie Video

    Coronavirus, cani riconoscono chi è positivo - VIDEO

    All'aeroporto di Helsinki sono entrati in azione dei cani addestrati per rilevare il coronavirus. Il team è composto da 15 cani e 10 istruttori. L'efficienza dei cani non è stata dimostrata in studi scientifici comparativi, quindi i passeggeri che si offrono volontari per essere sottoposti al test e sono sospettati di essere portatori del virus sono invitati a effettuare anche un tampone per confermare il risultato.

  • Yahoo Notizie

    Covid, i Paesi finiti nella lista nera della Ue

    L’Italia è tra i Paesi con "un basso rischio" e "basso impatto per la popolazione e il sistema sanitario" e una "bassa probabilità di infezione" al Covid. A dirlo stavolta è il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie (Ecdc).

  • Yahoo Notizie

    Il coronavirus si sta evolvendo: parla lo scienziato italiano in Usa

    Il coronavirus si sta evolvendo verso “una forma meno cattiva” a giudicare dalle “mutazioni e la delezione che abbiamo trovato”: a dirlo è Davide Zella, scienziato italiano da anni negli Usa

  • Yahoo Notizie Video

    La luce led che uccide il coronavirus

    Una potentissima luce led blu sarebbe in grado di “disattivare” batteri e virus, incluso il Sars-Cov-2. È l’incredibile scoperta del Laboratorio di Microbiologia e Virologia dell’università di Siena, in collaborazione con l’azienda Emoled, specializzata in dispositivi sanitari innovativi. Le ricerche hanno dimostrato che dopo 15-30 minuti di esposizione a questa luce blu, a una lunghezza d’onda tra i 410 e i 430 nanometri, il Covid si indebolisce e perde vitalità. Il led in questione è ritenuto completamente innocuo per l’uomo perché non interagisce con il Dna delle cellule ed è già utilizzato per curare ulcere e ferite che non guariscono. Grazie a questa nuova scoperta, la luce blu può essere ora considerata una valida risorsa per la disinfezione di superfici e ambienti.

CONDIVIDI QUESTA PAGINA